Situazione iniziale:  Paziente di sesso femminile, di anni 59. Attuale portatore di due protesi mobili.

Superiormente sono presenti tre residui radicolari ed un impianto di vecchia fabbricazione, inferiormente 4 incisivi.

Le arcate presentano un forte riassorbimento dell’osso alveolare.

La paziente lamenta il fastidio della  protesi mobile, ed il disagio estetico.

I pochi denti residui dell’arcata superiore  ed inferiore sono compromessi e non più utilizzabili per fini protesici.

La paziente è fortemente motivata, richiede la realizzazione una protesi fissa su impianti, giunge alla nostra osservazione perché inviata da un collega odontoiatra che non si occupa di implantologia.

Quando in presenza di gravi carenze dei volumi ossei, si affrontano casi implantari è sempre necessario effettuare un preliminare studio del caso attraverso la diagnostica per immagini (ortopantomografia e TC dentalscan) e la realizzazione di modelli studio in gesso.

 riassorbimento osseo, implantologia con carico immediato - Centro Odontoiatrico Grimaldi - Bologna
La paziente non sorride da anni a causa delle protesi mobili
 riassorbimento osseo, implantologia con carico immediato - Centro Odontoiatrico Grimaldi - Bologna
Le protesi mobili della paziente
 riassorbimento osseo, implantologia con carico immediato - Centro Odontoiatrico Grimaldi - Bologna
Immagine tridimensionale


L’obiettivo in questo caso è:

  • Rassicurare la paziente sulla possibilità di soddisfare le sue richieste di protesi fissa;
  • Indivuduare un percorso che consente la sostituzione immediata delle protesi mobili con un ponte fisso anche se con dentatura raccorciata;
  • Evitare lunghi e disagevoli interventi di innesto di osso autologo (prelievi di cresta iliaca)


Trattamento:

Le limitate quantità di osso presenti non consentono la realizzazione diretta (con un unico intervento) dei due ponti fissi definitivi.

Verranno quindi, prima realizzati due provvisori fissi (su un numero limitato di impianti), successivamente la rigenerazione ossea ed il posizionamento di altri due impianti (uno nell’arcata superiore ed uno nell’arcata inferiore) su cui saranno installati i due ponti fissi definitivi.

Lo studio preliminare attraverso anche la realizzazione di un modello tridimensionale del mascellare superiore e della mandibola ci ha permesso di individuare con precisione millimetrica le aree in cui sono ancora presenti volumi ossei idonei ad ospitare gli impianti.

Si inizia il trattamento dall’arcata inferiore, alle ore 9 viene fatta l’anestesia locale alla paziente, si procede con l’estrazione degli elementi dentari residui ed al contestuale inserimento di 4 impianti.

Alle ore 11 circa iniziano le operazioni di assemblaggio agli impianti del provvisorio fisso.

Alle ore 12:30 la paziente viene dimessa con un ponte provvisorio fisso, viene prescritta alla paziente una dieta composta da cibi morbidi, e frequenti lavaggi con colluttorio contenente clorexidina.

Dopo circa 15 giorni inizia il trattamento all’arcata superiore: Si procede con le estrazioni delle radici residue e con la rimozione del vecchio impianto (che invadeva le cavità nasali).

Si inseriscono 4 impianti da utilizzare con carico immediato di un ponte fisso provvisorio.

Anche in questo caso nell’arco di una mattinata abbiamo trasformato la protesi mobile in protesi fissa. Anche in questo caso, nei giorni successivi sarà sufficiente mantenere un buon controllo dell’igiene orale con l’ ausilio dei colluttori prescritti.

Durante questo periodo il paziente puo’ continuare ad utilizzare la protesi fissa provvisoria per mangiare e svolgere le sue attivita’ relazionali in modo normale.

Dopo circa 90 giorni dall’allestimento dei due ponti provvisori si procede con un rientro chirurgico per effettuare la rigenerazione ossea necessaria per l’inserimento degli ultimi impianti.


La rigenerazione ossea guidata rappresenta una tecnica chirurgica in grado di aumentare il volume osseo in siti edentuli che presentino un’atrofia (insufficiente volume) di osso; per consentire l’inserimento in posizione corretta degli impianti.


 riassorbimento osseo, implantologia con carico immediato - Centro Odontoiatrico Grimaldi - Bologna
Successivamente all’integrazione degli ultimi due impianti viene effettuata la protesi fissa definitiva.
 riassorbimento osseo, implantologia con carico immediato - Centro Odontoiatrico Grimaldi - Bologna
L’innesto osseo nella mandibola
 riassorbimento osseo, implantologia con carico immediato - Centro Odontoiatrico Grimaldi - Bologna
Le protesi fisse su impianti, superiori ed inferiori

 

Durata del trattamento:

La sostituzione delle due protesi mobili con due ponti fissi è stata effettuata in 15 giorni. L’intero trattamento, con la rigenerazione ossea, ha avuto una durata complessiva di quasi 18 mesi.

La paziente non ha risentito della lunga durata del trattamento per due motivi:

  • in 15 giorni sono state soddisfatte le sue richieste iniziali di protesi fissa
  • nei quasi 18 mesi di trattamento la paziente non è mai rimasta senza le sue protesi fisse.

Attualmente la paziente è inserita nei richiami d’igiene con cadenza programmata, ad ogni appuntamento in ambulatorio, per ringraziarci delle cure precedentemente eseguite, si presenta con un piccolo regalino culinario.


Esponga il suo caso

Diamo la possibilità al paziente che legge di presentarci il suo caso. Valuteremo le condizioni per potere intervenire con l’inserimento di impianti dentali.

Contatti

Richiedi il tuo Appuntamento

Telefono:

+39 051 6494868 (2 linee)

Indirizzo:

Via P. Grimaldi 6/e - 40122 Bologna
Il messaggio è stato inviato con successo. Verrai ricontattato il prima possibile.
Ops...si è verificato un errore durante l'invio del messaggio.